RASSEGNA STAMPA
ULTIME NEWS
regenera research group for aging intevention su hello monaco.
grande successo della session di regenera rg al congresso internazionale di medicina antiaging di montecarlo. grande successo del cronofasting integrato al congresso di montecarlo.
a circa un anno dal debutto del suo cronofasting integrato, il dott.ascanio polimeni ha presentato una relazione sui vari meccanismi d'azione del cronofasting integrato.
Ti trovi in Medicina Antiaging,Antiaging,Menopausa,Andropausa,Ormoni Bioidentici | Melatonina: l'ormone a pi? dimensioni

Melatonina: l'ormone a pi? dimensioni

07/12/2005

Uno degli assi nelle maniche dei camici dei bio- gerontologi si chiama melatonina: un or mone pro- dotto durante il sonno dalla ghiandola pineale, che si trova propr io al centro del nostro cer vello e rego- la il sistema endocr ino ed immunitar io. ?La pineale, def inita terzo occhio in q uanto punto di contatto tra l?individuo ed il cosmo? - af fer ma la dott.ssa Seraf ina Corsello, italo-amer icana, tra i medici funzionali pi? famosi al mondo, autr ice del bestseller The A geless Woman. ?Sappiamo che la pineale ? in g r ado di captare sottili radiazioni a bassa freq uenza (ELF) dall?ambiente e di trasfor- marle in segnali che inf luenzano le funzioni del grande network psiconeuroendocr inoimmunolo- gico?. L?or mone melatonina der iva dalla serotoni- na che viene sintetizzata a sua volta dall?aminoa- cido triptofano. La sintesi della melatonina ? rego- lata dal ciclo luce/buio, raggiunge il suo picco tra mezzanotte e le tre di notte, per poi scemare con il sorgere del sole. Da q uesta alter nanza circadia- na luce-buio, serotonina-melatonina nascono i ritmi biologici che regolano il r itmo sonno-veglia, nonch? molte funzioni or monali ed immunologi- che, il metabolismo, il tono dell?umore. Il dottor Ascanio Polimeni pronostica che sar? l?a- spir ina del Duemila. ?? un neuror mone - spiega - che ha il compito di sincronizzare il nostro orolo- gio biologico con q uello solare. Regola l?intero lavoro dell?organismo, mantenendo ef f icienti, e in per fetta sintonia fra di loro, i sistemi ner voso, endocr ino e immunitar io?.
In pratica, inf luisce sui cicli or monali, sul meta- bolismo, sull?umore, sul r itmo veglia-sonno, rego- la la produzione dei linfociti, dei globuli bianchi e rossi. Ecco perch? una terapia a base di melatoni- na pu? r ivelarsi vincente in molti casi, per i pro- blemi pi? diversi. Vediamo quando ? pi? efficace.


La ?nuova frontiera? in sette traguardi.


ANTIAGING L?or mone raggiunge il suo picco in adolescenza per poi decrescere prog ressivamente con gli anni. Con l?avanzare dell?et?, la pineale si calcif ica, ral- lentando la produzione della melatonina; ci? ? colto dal nostro organismo come uno dei segnali di via libera all?invecchiamento. ?La desincronizzazione dei r itmi biologici ed or monali in par ticolare causata da una r idotta sensibilit? dell?ipotalamo ai meccanismi di feed- back di regolazione or monale? confer ma la Corsello, ?innesca l?anarchia or monale che attiva l?invecchiamento. La melatonina ed il Dhea sono in g r ado di r ipr istinare la sensibilit? ipotalamica dei controlli or monali, annullando cos? le conse- guenze di q uella che io def inisco castrazione ipo- talamica. La contromossa, dunq ue, ?, almeno a parole, semplice: bombardare q uotidianamente, sotto controllo medico, il nostro cor po con dosi di melatonina che sopper iscano alla pig r izia senile della ghiandola pineale. Ed inganniamo con q ue- sto tr ucco l?organismo, convinto di essere ancora nel pieno della giovinezza?. ?Ai f ini degli ef fetti antiaging - sostiene Polimeni - vanno segnalati q uelli antiossidanti ed immuno- stimolanti dell?or mone: i pr imi si realizzano bloc- cando l?azione dei radicali liber i sia a livello del citoplasma sia del nucleo. Le azioni immunologi- che sono espresse da un cer to r ingiovanimento del sistema immunitar io ed in par ticolare di q uel fronte di difesa che ci difende dall?agg ressione di vir us e tumor i; sono soprattutto i natural killers a rivitalizzarsi g r azie all?inter vento della melatoni- na. Da non trascurare inf ine, gli ef fetti trof ici e di protezione a livello del timo contro l?azione immu- nosoppressiva del cor tisolo; q uesta ? una ghian- dola fondamentale nella regolazione dell?omeosta- si psiconeuroendocr inoimmunologica, la q uale tende ad atrof izzarsi con l?et?.

INSONNIA
Alla melatonina viene r iconosciuta un?azione in molti casi ef f icace contro l?insonnia e il jet lag, grazie alla sua propr iet? regolatr ice dei r itmi bio- logici.
Quando scende la sera, la ghiandola pineale, col- legata al sistema ner voso, comincia a produr re melatonina, per favor ire il sonno e continua a sin- tetizzarla durante tutta la notte. Al mattino il suo livello scende: ci svegliamo, freschi e r iposati. ?La melatonina ? q uindi una sostanza chiave per la cura dei disturbi del sonno - sostiene il medico statunitense Ray Sahelian - ef f icace nei casi di dif- ficolt? ad addor mentarsi, anche per chi si sveglia puntualmente all?alba senza pi? poter chiudere occhio?. Inoltre, la melatonina potenzia la fase REM del sonno, q uella in cui si r iposa pi? profon- damente. E se da anni r iusciamo a dor mire solo grazie a una pillola? Anche q ui la melatonina pu? essere d?aiuto: ?A poco a poco, per mette di rompe- re la dipendenza da far maci come le benzodiaze- pine?, aggiunge il dottor Polimeni. Perch? la mela- tonina ser va davvero contro l?insonnia, attenzione per? a prenderla nei modi e nei tempi giusti: un?o- ra, un?ora e mezza pr ima di andare a letto. Pr ivilegiare micro dosi nell?ordine del millig ram- mo ed aumentare prog ressivamente f ino al rag- giungimento di benef ici. Nelle for me di insonnia da addor mentamento, ? consigliata la for ma sub-linguale ad azione rapida, nelle insonnie da r isveglio precoce o caratter izzate da micror isvegli not- tur ni, q uella a lento rilascio.


USO COSMETICO
Di recente la melatonina viene inser ita da molte case cosmetiche in for mulazioni a base di f itoe- strogeni, antiossidanti, acidi g r assi, deanolo al fine di combattere i segni dell?invecchiamento cutaneo. In q ueste for mulazioni, l?or mone viene utilizzato per i suoi ef fetti antiossidanti. Vist a la sua alta lipof ilia, l?or mone viene facilmente assor- bito dalla pelle. In alcune for mulazioni antir ughe, viene utilizzata la nuova melatonina di der ivazio- ne vegetale o f itomelatonina. ?Eccellente si r ivela la sinergia della f itomelatoni- na con led a luce infrarossa nel fotor ingiovani- mento del viso? specif ica il dottor Andrea Ar tigiani, der matologo presso l?Universit? degli studi di Pisa. Per q uanto r iguarda la caduta dei capelli nella donna, uno studio ef fettuato presso il dipar timen- to di der matologia e allergologia della Fr iedr ich Schiller Universit?t di Jena ? Ger mania, ha evi- denziato l?ef fetto benef ico della melatinina sulla crescita pilifera. Lo studio controllato a doppio cieco, casuale e con placebo, ? st ato condotto in 40 donne af fette da alopecia dif fusa o alopecia andro- genetica. E? st ata applicata una soluzione con 0,1% di melatonina o placebo per sei mesi una volta al gior no. L?ef fettuazione dei tr icog rammi, per st abilire la percentuale dei capelli in fase anagen e telgen, ha evidenziato un aumento signif icativo del tasso di anagen nella zona occipitale in donne af fette da alopecia androgenetica, r ispetto al campione pla- cebo. Per la zona frontale, la melatonina ha pro- dotto un aumento signif icativo nelle donne con alopecia dif fusa. Un consiglio f inale: propr io perch? ha un?azione cos? ampia, la melatonina ? delicatissima da usare. Meglio evitare q uindi le cure fai da te. La terapia va prescr itta da uno specialista, che dovr? anche calibrare le dosi giuste. ?La cura estrema- mente personalizzata var ia da 0,5 f ino ai 20 milli- grammi al gior no?, conclude Polimeni. ?Il dosag- gio medio si aggira per? sui 2-5 mg?. Dosi minime vanno usate nei disturbi del sonno, dosi pi? ele- vate garantiscono miglior i ef fetti antiossidanti ed immunostimolanti.


JET LAG
Dopo un viaggio all?altro capo della ter r a, capita di sentirsi spossati, ma di non r iuscire a chiudere occhio. Il r imedio? Semplice: r ipor tare in eq uili- br io il r itmo veglia-sonno. E niente r iesce a farlo meglio della melatonina, che sincronizza tutte le attivit? dell?organismo. Una cura a base di melatonina combatte il disagio di chi ? costretto a passare in poche ore dal fuso di Milano a q uello di New York . Questo a patto che la terapia venga oppor tunamente dosata dallo spe- cialista. ?La terapia - spiega il dottor Polimeni - va inizia- ta un paio di gior ni pr ima della par tenza con mezzo millig rammo di melatonina, a met? matti- na se si viaggia verso Occidente, o a met? pome- riggio se si va invece verso Or iente. All?ar r ivo si continua per tre - cinq ue gior ni, aumentando le dosi: un millig rammo per ogni fuso orar io?.

MENOPAUSA
Per combattere i disturbi della menopausa, dalle vampate di calore all?osteoporosi, viene spesso prescr itta una cura or monale sostitutiva, a base di estrogeni e progesterone. Una terapia che presen- ta a volte notevoli ef fetti collaterali, soprattutto depressione e aumento di peso. Un modo per superare il problema consiste nel r idur re le dosi dei far maci e abbinarli alla melatonina, che r iesce a potenziare l?attivit? degli or moni. Ancora pi? af f idabile r isulta l?associazione del neuror mone con f itoestrogeni e progesterone naturale.

DEPRESSIONE
Se produciamo poca melatonina, f inisce per alterar- si anche la produzione di or moni e neurotrasmetti- tori (le sostanze che regolano il passaggio degli impulsi cerebrali da cellula a cellula). Possono allo- ra compar ire alcuni disturbi dell?umore: malumore ai cambi di st agione, tensione ner vosa nel per iodo premestr uale... ?Tipica della defaillance dell?orolo- gio biologico ? la depressione mattutina, seguita, alla sera, da ansia e insonnia? af fer ma il dottor Polimeni. ?Per r ieq uilibrare la situazione, possono essere utili dosi mirate di melatonina.?

ANTICONCEZIONALE
In alte dosi e associata al progesterone, la melato- nina pu? bloccare l?ovulazione: q uesto il r isultato di una r icerca olandese, durata tre anni, applicata a duemila donne. Presto avremo q uindi una nuova pillola anticoncezionale? Si attendono ulter ior i confer me: per ora, gli studi proseguono.



Privacy Policy | Cookie Policy