RASSEGNA STAMPA
ULTIME NEWS
regenera research group for aging intevention su hello monaco.
grande successo della session di regenera rg al congresso internazionale di medicina antiaging di montecarlo. grande successo del cronofasting integrato al congresso di montecarlo.
a circa un anno dal debutto del suo cronofasting integrato, il dott.ascanio polimeni ha presentato una relazione sui vari meccanismi d'azione del cronofasting integrato.
Ti trovi in Medicina Antiaging,Antiaging,Menopausa,Andropausa,Ormoni Bioidentici | L'ormone della forma perfetta [body's magazine ottobre 1991]

L'ormone della forma perfetta [body's magazine ottobre 1991]

17/02/2005

L'ORMONE DELLA FORMA PERFETTA Si chiama ormone somatotropo, o HGH, e viene prodotto da una ghiandola localizzata alla base del cervello, l'ipofisi, grande come una nocciola. L'HGH esercita, sul piano metabolico, un'azione proteica anabolica, lipolitica e antinvecchiamento. Questo ampio spettro di attività si traduce in effetti, i più importanti dei quali sono l'aumento della massa muscolare, la riduzione dei depositi adiposi e il miglioramento della elasticità cutanea. Considerando che la quantità di HGH circolante si riduce andando avanti negli anni, e che gli effetti sopra descritti sono proprio quelli cercati e perseguiti da coloro che ambiscono ad avere una buona forma fisica, si può facilmente comprendere l'utilità che può avere un programmo terapeutico indirizzato ad aumentare la fisiologica produzione di ormone somatotropo da parte dell'organismo. Su questa linea di ricerca, un gruppo diretto dal Dottor Ascanio Polimeni, e costituito da medici, nutrizionisti e specialisti di bodybuilding e fitness, ha sperimentato con successo un nuovo sistema di cura che, integrando l'uso di sostanze naturali con programmi personalizzati di alimentazione e allenamento, permette di incrementare la produzione e la liberazione di ormone somatotropo. AUMENTARE L'HGH CIRCOLANTE: L'APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE «Il livello corporeo di hGH dice il Dottor Polimeni psiconeuroendocrinologo, direttore dei centri per lo studio e la cura dell'invecchiamento cellulare di ROMA e di MILANO,si riduce progressivamente dopo 125 anni di età; ciò spiega perché, a partire da questa età, sia sempre più difficile smaltire il grasso in eccesso, e non aumentare di peso, ... in una parola mantenersi in forma. La percezione soggettiva di queste difficoltà è più evidente in coloro che fanno cultura fisica; questo perché si tratta di soggetti attenti al proprio corpo e alle sue possibilità di miglioramento». E proprio dalle esigenze e dalle richieste di conoscenza degli appassionati di bodybuilding ha tratto le mosse questo studio, nel quale sono confluite le più recenti conoscenze di integrazione alimentare, nutrizione e tecniche di allenamento. Spiega il Dottor Polimeni: «Nessuno, pur se competente nel suo settore, può presumere di risolvere da solo e al meglio un problema, se questo è di pertinenza di più specialisti. Nel nostro caso lo studio doveva condurre a un metodo terapeutico che aumentasse la produzione di HGH; individuati i cardini del trattamento sui quali occorreva lavorare, e cioè integrazione alimentare: dieta e allenamento, il primo passo è stato quello di creare, attraverso la stretta collaborazione di esperti di vari settori, un pool che garantisse l'approccio interdisciplinare del problema. Questa esperienza di lavoro è stata così proficua e ricca di risultati da indurmi addirittura a rivedere il modo di impostare la visita; oggi infatti, la parte più propriamente medica inerente l'indagine clinica e le strategie terapeutiche , è preceduta dalla visita di un esperto di cultura fisica. Infatti, a parte l'importanza che l'esercizio fisico riveste, quando opportunamente consigliato ed eseguito, nell'aumentare la produzione endogena di HGH, la conoscenza degli orari e degli schemi di allenamento si rivela, al pari dei risultati dei tests nutrizionali e dell'indagine clinica, di enorme importanza per la scelta sia del tipo di alimenti e di integratori più idonei al singolo caso, sia dei momenti della giornata più adatti per la loro assunzione». I TRE CARDINI DELLA FORMA PERFETTA 1) L'alimentazione. Noi siamo quello che mangiamo, le diverse strutture dell'organismo si rinnovano a partire da ciò che viene introdotto con gli alimenti (aminoacidi, vitamine, minerali ecc.). Poiché il raggiungimento dello forma fisica non può prescindere da un corretto apporto di tutto ciò di cui il nostra organismo ha bisogno, è indispensabile conoscere di cosa e in quale misura il nostra corpo necessita. Tutto ciò risponde a quel criterio di individualità biochimica per cui ogni soggetto è, metabolicamente, unico e irripetibile, pur modificandosi l'assetto metabolico in relazione alle strategie terapeutiche adottate. Così la scelta della dieta più adatta al singola caso viene stabilita in maniera da soddisfare: a) i criteri generali di composizione percentuale e distribuzionale dei principali gruppi alimentari che favoriscono una aumentata produzione di hGH; b) i bisogni particolari dipendenti dalla individualità biochimica; attraverso l'esecuzione di tests nutrizionali quali l'aminoacidogramma e il mineralogramma, vengono infatti individuati gli alimenti naturalmente più ricchi di aminoacidi, vitamine e minerali che nel caso specifico, risultano essere necessari, e la cui carenza impedisce di raggiungere gli obiettivi prefissati. 2) Gli integratori. Esistono aminoacidi che aumentano la produzione di HGH, altri che favoriscono lo smaltimento dei depositi adiposi, altri ancora che svolgono funzioni importantissime a livello de sistema nervoso ed endocrino. Tuttavia, l'impiego degli aminoacidi e di altri integratori naturali (vitamine, minerali) solo in base alle loro indicazioni cliniche, rischia di non risultare vantaggioso. Il motivo d ciò va ricercato, anche in questo caso nella individualità biochimica. E' indispensabile, infatti, conoscere come l'organismo utilizza metabolicamente le sostanze che vengono introdotte. Nel caso degli aminoacidi, ad esempio, anche la carenza di un solo aminoacido essenziale può compromettere l'utilizzazione degli altri, così come l'indi sponibilità di minerali e vitamine, o altre situazioni patologiche, possono rende re inutile le supplementazioni adottate L'aminoacidogramma, attraverso il dosaggio degli aminoacidi e dei loro metaboliti nelle urine delle 24 ore, dà un quadro della biochimica corporea e fornendo notizie sia sull'apporto diete tico di questi fondamentali nutrienti che sul loro metabolismo, consente di in staurare un programma di integrazione realmente personalizzata e mirato. 3) L'esercizio fisico. Sia la dieta che la supplementozio ne con integratori alimentari non con durrebbero a nessun risultato senza un contemporaneo ed adeguato program ma di attività fisica. L'esercizio è infatti fondamentale per fissare l'azoto e de terminare la crescita della massa mu scolare che, in queste situazioni, viene favorita e incrementata da idonei pro grammi dietetici e supplementari. Gli effetti positivi dell'attività fisica sulla crescita muscolare e sulla riduzione di grasso corporeo, si realizzano attraverso un incremento della produ ziane di HGH. E noto che lo sforzo breve, intenso e ripetuto stimolala sintesi di ormone somatotropo più di esercizi di durata maggiore ma di intensità moderata. Di ciò si tiene conto nello stesura dei programmi di allenamento che, di volta in volta, vengono adottati a seconda che il paziente si propone per fini agonistici o per la semplice perdita di grasso. L'AMINOACIDOGRAMMA: IL TEST DEI CAMPIONI L'analisi degli aminoacidi è un esame che la medicina ortomolecolare utilizza per stabilire con precisione il funzionamento biochimico dell'organismo e le possibilità di intervenire su di esso attraverso la nutrizione. Diffuso negli Stati Uniti, dove molti atleti di primo piano e famosi personaggi dello spettacolo se ne sono giovati, può essere eseguito sia sul sangue che sulle urine. I dosaggi ematici, però, presentano l'inconveniente di essere variabili, questo perché la concentrazione di aminoacidi nel sangue può differire enormemente non solo nella stessa giornata ma addirittura nella stessa ora; il profilo aminoacidico eseguito invece sulle urine raccolte nelle 24 ore ha il vantaggio di riflettere realisticamente l'attività biochimica dell'organismo e dà informazioni dirette e attendibili sulla adeguatezza dell'apporto nutrizionale in aminoacidi, sulle forme di intolleranza dell'organismo alle proteine, e informazioni indirette sulle esigenze funzionali relative a un vasto numero di minerali e vitamine. Sulla base di questa analisi possono essere formulati programmi dietetici e di supplementazioni individuali attraverso i quali aumentare la produzione energetica cellulare e la fissazione di azoto con conseguente aumento della massa muscolare. COME SI ESEGUE Il paziente deve procedere alla raccolta delle urine emesse nelle 24 ore nell'apposito recipente che può essere acquistato in farmacia. Le prime urine della mattina del giorno stabilito per l'esame devono essere gettate, mentre vanno raccolte tutte le urine emesse nelle 24 ore successive (giorno e notte) e le prime urine della mattina del giorno successivo. Il recipiente contenente le urine deve, fra una raccolta e l'altra, essere tenuto in frigo. E importante che nei 4 giorni che precedono la raccolta delle urine, il paziente sospenda tutte le terapie non essenziali, quindi le supplementazioni in aminoacidi, vitamine e minerali; gli eventuali farmaci che il paziente dovesse assumere perché non è possibile che vengano sospesi, devono essere annotati in una apposita scheda. Dal volume totale di urine emesse, il cui valore deve essere riportato sulla scheda, vanno successivamente prelevati 8 cc che devono essere congelati e restare tali fino al momento dell'analisi. Dal responso del test ,è possibile evincere il tipo di supplementazione piu'adatta alle esigenze del paziente in esame.
Privacy Policy | Cookie Policy