RASSEGNA STAMPA
ULTIME NEWS
regenera research group for aging intevention su hello monaco.
grande successo della session di regenera rg al congresso internazionale di medicina antiaging di montecarlo. grande successo del cronofasting integrato al congresso di montecarlo.
a circa un anno dal debutto del suo cronofasting integrato, il dott.ascanio polimeni ha presentato una relazione sui vari meccanismi d'azione del cronofasting integrato.
Ti trovi in Medicina Antiaging,Antiaging,Menopausa,Andropausa,Ormoni Bioidentici | Il tempo non mi fa paura [anna ottobre2002]

Il tempo non mi fa paura [anna ottobre2002]

22/07/2005

Briqitte Bardot non ha mai pensato al lifting. Jessica Lange esibisce allegra tutte le sue rughe. E Jane Birkin, 55 anni si fa fotografare nuda. Il coraggio di invecchiare ? raro. Ma vale la pena conquistarlo. Perch? rende libere.

La pi? intransigente di tutte ? Brigitte Bardot. 68 anni, che di recente ha dichiarato: ?il mio viso e il mio corpo mi vanno benissimo cos? come sono, con le rughe, i cedimenti e tutto il resto. Anzi, io non mi tingo neppure i capelli, non vedo perch? dovrei. Non ho nessuna paura di dimostrare l'et? che ho). La pi? spaventata ? forse Catherine Deneuve, clic dice: Invecchiare ? una nuova stagione della vita.
E' difficile abituarsi alla mia faccia, al mio corpo che cambiano, senza poterci tare niente. E un po' ho nostalgia del passato: ? tanto bello essere giovane e felice?. In mezzo ci sono tutte le donne, e sono tante, che hanno il coraggio di accettare l'et? che passa, ma nessuna intenzione di considerarsi per questo meno belie. Come Virna Lisi. 64 anni portati splendidamente, considerata la regina d'eleganza della fiction italiana. Vanessa Redgrave, 65 anni e un volto intenso dalla bellezza nordica, che continua instancabilmente a calcare le scene dei teatri londinesi senza aver mai ceduto alle lusinghe di bisturi o botulino.
Per non parlare di Jane Birkin, che, cinquantacinquenne, si ? falla fotografare per il manifesto del suo ultimo film, This is my body, completamente nuda.
Eccezioni da star, direte voi. Per noi comuni mortali, non ? stato cos? facile guardarsi allo specchio un giorno e vedere che s?, siamo sempre noi, ma il segno degli anni si vede eccome. Non ? facile accettare tutto quel fiorire di rughe e rughette, trovarsi impotenti di fronte ai chili in pi? (e si che a trent'anni riuscivamo a dimagrire in dieci giorni...), provare un po' di sconforto quando, tutte le estati, arriva il momento di mettersi in bikini. Tanta crema antiet?. un p0 di palestra, ma constrastare davvero l'effetto invecchiamento ? una missione complicata. Tanto che, accanto alle superbelle che non hanno paura di far vedere la loro et?, ci sono anche attrici di gran fascino che gettano la spugna e corrono dal chirurgo.

L'esempio pi? significativo ? quello di Jane Fonda. ex Barbarella ed ex Miss Aerobica, che alla fine ha optato per un poderoso lifting. ?D'altra parte la boa dei cinquanta, cinquantacinque anni costituisce per le donne un momento davvero difficile, osserva Daniela Di Veroli, psicoterapeuta. Perch? devono fare i conti con la menopausa, le trasformazioni del proprio corpo, i cambiamenti nel loro ruolo di lavoratrice, di moglie e di madre. Tutte cose che ci mettono in crisi. Televisione e carta stampata, poi, di certo non aiutano: quante volte avete visto un'attrice over fifty in copertina? Macch?, dai tg alla moda, l'imperativo categorico ? sempre quello: snella, soda e dalla pelle di pesca. ((C'? da arrabbiarsi?, riprende Di Veroli, perch? ? evidente che nessuna di noi, nemmeno la donna pi? bella, pu? dimostrare trent'anni quando ne ha il doppio?.
Ed ? proprio questo il punto: ((Far credere alle donne che la bellezza si fermi l?, al tempo in cui nelle boutique guardavamo solo gli scaffali della taglia 42?. Diciamolo: non dover pi? vivere con l'assillo del diktat dieta fitness look alla moda ? un po' un sollievo: 'Finalmente libere dalla tirannia dello sguardo maschile , scrive Germaine Greer, autrice de La seconda met? de/la vita. Ma questa consolazione non ci soddisfa, perch? a tutte le donne piace piacere. Anche a noi. E belle, ma belle davvero, si pu? essere anche a cinquanta, sessarita, settant'anni. Parola di Stefania Sandrelli, che dalle scene de II bello delle donne continua a emanare un fascino che mille ventenni pagherebbero per avere. Della scrittrice Lidia Ravera, che dichiara:
Vecchia io? Ma quando mai: corro 15 chilometri ogni due giorni e ho la stessa taglia di trent'anni la?. O di Benedetta Barzini che, a 59 anni, affronta senza problemi le passerelle della moda.

UNA RISATA IN PI? CI PU? aiutare

Quello di invecchiare bene ? un lavoro complesso?, osserva Di Veroli. La ricetta magica non esiste.
?Ma un bel cocktail di accorgimenti, quello s??, giura Ascanio Polimeni, psico neuro endocrinologo esperto di terapie anti aging. Primo: volersi bene. Secondo: piacersi. Terzo: sorridere. Tanto. Sembrano banalit?, ma non lo sono affatto: ((Quando una paziente viene da me per un intervento di chirurgia estetica e mi chiede "quanti anni mi toglie, dottore?", sono chiarissimo: "Nemmeno uno", le rispondo>, racconta Ermete de Longis, presidente della Societ? di Chirurgia Estetica Italiana. (41 che non significa, ovviamente, che l'intervento

non avr? successo.
Ma l'invecchiamento continuer?, come prima. E se una donna non si accetta nel profondo, non sar? certo un bisturi a renderla serena?. Parole sagge. Fortunatamente, noi italiane non ce la caviamo poi cos? male nel compito di goderci la vita. Lo dicono le statistiche: il 32% delle donne italiane sopra i cinquant'anni viaggia appena pu?, il 45% va al cinema e a teatro almeno una volta al mese, il 10% va a ballare e addirittura ii 51% fa sesso felicemente. ?Oggi le donne di ogni et? vogliono continuare a esprimersi al meglio anche dal punto di vista sessuale, spostando in l? i muri che delimitavano la femminilit?, dice la sessuologa Shere Hite.

Spesso dai cinquanta in su si prende perfino la difficile e dolorosa decisione di separarsi, ma scordatevi una vecchiaia triste e solitaria: dopo la separazione, il 54% delle donne si innamora ancora, con l'entusiasmo e la passione di una ventenne, e il 20% dichiara di aver costruito un nuovo legame sentimentale "stabile e sereno". Insomma, ?? importante che sia chiaro: la battaglia contro l'invecchiamento comincia da dentro. Poi si pu? aiutarla, da fuori, con le giuste terapie?, spiega Polimeni. Che aggiunge: ?La scienza ha fatto passi da gigante nello studio dei fattori di invecchiamento. Abbiamo capito che ? tutto un problema di stress ossidativo delle cellule, e come aiutare l'organismo a reagire. C'? gente esaltata dalle ricerche della biotecnologia, ma sognare di vivere 120 anni senza un acciacco ? inutile: meglio godersi il proprio corpo e la propria mente.

UNA NUOTATA per cambiare pelle

La parola d'ordine, assicura lo specialista, ? solo una: prevenzione. E quindi mangiare sano (tanti cibi freschi e pochi grassi), fare attivit? fisica, continuare a stare in mezzo alla gente. Ma soprattutto prendersi tempo per s?. Perch? il pi? grande aiuto del processo di invecchiamento ? lo stress. Una nuotata in piscina o magari un corso di cucina thailandese. Non vi basta? E allora sferrate un attacco senza piet? ai radicali liberi, responsabili di rughe, macchie cutanee, abbassamento della vista, perdita della memoria. ?Il primo passo ? fare una stima dell'et? biologica. che ? una cosa diversa da quella anagrafica, spiaga Polimeni. ?Poi si scelgono i giusti rimedi: sostanze che frenano il processo d'invecchiamento, e che aiutano a ritrovare una pelle pi? liscia, ma anche uno stato generale di maggiore energia?.

ADDIO LABBRA A CANOTTO Al bando per? gli integratori alla cieca: ogni donna ha i suoi punti deboli da "riparare". ?C'? la paziente che ha una carenza specifica di vitamine liposolubili, quella che necessita di coenzima QiO. E la signora che grazie all'acido alfalipoico non solo si vede pi? giovane, ma anche di ottimo umore, perch? questa sostanza ha anche delle virt? antidepressive?. Vitamine, frutta fresca, acquagym. E se ancora proprio non ci piacciamo? Quante di noi sono tentate dal piccolo intervento di chirurgia estetica, ma hanno paura di uscire irriconoscibili? Ti mori assolutamente infondati?, assicura il dottor de Longis. Gli interventi pi? traumatici, quelli per cui una donna ha due labbra tipo canotto, non li fa pi? nessuno. O se qualcuno li fa, ? perch? la paziente vuole vedersi proprio cos?. La chirurgia estetica, oggi, va in un'altra direzione: ?Cerchiamo di restituire al viso e al corpo un p6 di freschezza, per esempio attraverso il soft lift, un lifting molto leggero. Ricordando che il proprio volto non ? soltanto una maschera di presentazione, ma lo specchio della propria anima. Certo, siamo diverse da come eravamo a trent'anni. Ma c'? solo da esserne orgogliose.
Privacy Policy | Cookie Policy