RASSEGNA STAMPA
ULTIME NEWS
regenera research group for aging intevention su hello monaco.
grande successo della session di regenera rg al congresso internazionale di medicina antiaging di montecarlo. grande successo del cronofasting integrato al congresso di montecarlo.
a circa un anno dal debutto del suo cronofasting integrato, il dott.ascanio polimeni ha presentato una relazione sui vari meccanismi d'azione del cronofasting integrato.
Ti trovi in Medicina Antiaging,Antiaging,Menopausa,Andropausa,Ormoni Bioidentici | DOCTOR FARM-VELVET DICEMBRE 2009-

DOCTOR FARM-VELVET DICEMBRE 2009-

03/01/2009

 ANNO NUOVO, FUTURO INCERTO? INVESTIAMO SULLA SALUTE. È L’UNICO CAPITALE CHE, SICURO COME L’ORO, CI RESTITUIRA’  TUTTO, MA PROPRIO TUTTO, IL BELLO DELLA VITA. E NON SOLO IN SENSO METAFORICO.


 
I nuovi  mantra della beauty routine: non curare, ma “prevenire” (o meglio, rallentare) l’invecchiamento e “conservare”  (turgore, luminosità, freschezza, tonicità, of course). A 30, 40 e più. Per questo, superati i fantastici “enti”, ogni compleanno (o inizio d’anno, come preferite) è quello giusto non solo per regalarsi il soin di ultima generazione, ma anche per iniziare ad investire sul futuro della propria salute. Perché è quasi matematico che inseguendo la forma e il benessere psicofisico si ottenga (anche) un risultato molto concreto e assai tangibile in termini di bellezza.  D’altro canto, già da almeno due decenni è in atto una progressiva contaminazione tra i concetti di estetica e di benessere (e tra il beauty case e l’armadietto dei medicinali). «Ormai è ben metabolizzato il principio che la bellezza non può essere svincolata da un buon equilibrio chimico, fisico ed energetico dell’organismo, grazie anche all’evoluzione della ricerca, sia cosmetica sia dell’aging, che ha compiuto passi importanti nella comprensione delle basi biochimiche degli inestetismi», osserva Paolo Accornero medico-nutrizionista.La glicazione è tra gli esempi di queste “dinamiche biochimiche” condivise da salute e bellezza.  “È, infatti, un processo nel quale gli zuccheri in circolo nel sangue si “attaccano” alle proteine formando  delle glicotossine (AGEs), che legandosi a specifici recettori favoriscono l’infiammazione dell’organismo, la quale a sua volta favorisce sia la  comparsa accelerazione di diverse malattie, come quelle cardiovascolari, sia nel processo di invecchiamento della pelle, in particolare nell’alterazione delle fibre collagene, con la conseguente perdita di tono  cutaneo e  formazione di rughe”. Per non parlare delle staminali adulte (quelle non oggetto di problemi etiche come quelle embrionali), la” fonte rigenerativa” di tutte le cellule”, ormai entrate nel lessico comune non solo degli scienziati impegnati a combattere malattie importanti attraverso la rigenerazione di organi e tessuti,  come pelle,cartilagini e tessuto osseo, ma anche dai medici e chirurghi estetici e plastici, sempre più orientati a trattamenti e interventi conservativi, lontani anni luce dalle bellezze innaturali e votate all’eccesso, alla Pamela Anderson per intenderci. È il caso, per esempio, dell’impianto del grasso autologo (ricco, anch’esso, di staminali!) che,  prelevato dalla “ciccia in eccesso” attraverso  liposuzione (della serie: “non si butta più via nulla”!)  e opportunamente trattato, nell’arco di alcuni mesi può  aumentare di una-due taglie il volume del seno.  “Ma l’osservato speciale continua ad essere sempre lui, lo  stress ossidativo, che attraverso la costante produzione di radicali liberi è l’artefice e acceleratore dell’invecchiamento di tutte le cellule, tessuti, organi (pelle in primis) e  che si “legge” sul viso e sul corpo attraverso rughe, macchie cutanee, perdita di tonicità,  ma che è implicato più in generale in tutti i processi degenerativi legati all’invecchiamento e alle malattie tipiche dell’età, come aterosclerosi e  Alzheimer”, aggiunge Ascanio Polimeni, medico esperto di aging, membro del Comitato scientifico dell’International Hormone Society e Codirettore della nuova Societa' Scientifica di Healthy Aging REGENERA RESEARCH GROUP.
Medicina, preventiva, di bellezza.
Morale  meglio essere delle “formichine”, che fin da giovani pensano al loro futuro  “risparmiando” il proprio capitale salute e bellezza e conservandolo  a suon di prevenzioni mirate, anziché delle cicale  che colgono l’attimo e, solo  a danno avvenuto corrono ai ripari (con tutti i limiti del caso e risultati non sempre soddisfacenti o risolutivi). Una risposta concreta (e ad alto tasso di relax) per chi si sente più incline alla filosofia del “prevenire meglio che curare”, arriva dai percorsi antiaging e di medicina preventiva personalizzati, ormai proposti da tutte le beauty clinic più a la page, che, mentre controllano lo stato di salute e impostano programmi ad hoc per ottimizzarla e preservarla, promettono anche eterna (o quasi) giovinezza a colpi di terapie globali futuristiche. Come dire: prendi due e paghi uno. Che, in tempi di timide riprese da post recessione, suona davvero invitante e rassicurante.  “Si tratta di programmi spesso impostati sui principi, gli esami e le terapie proposte dalla medicina preventiva. Quella, per intenderci, che attraverso test scientifici avveniristici, in alcuni casi anche genetici  (e assolutamente non cruenti: per eseguirli basta una goccia di sangue o un po’ di saliva), individua le predisposizioni alle malattie, i livelli ormonali e lo stress ossidativo e altre variabili implicate nell’invecchiamento, come gli indici di glicazione e altri biomarkers  infiammatori”, dice ancora Accornero. In termini pratici, tutto questo si traduce in percorsi di benessere, di alimentazione, fitness e beauty  “su misura” della persona, che includono una serie di tappe guidate da un team di medici, come specialisti in genetica ed aging, nutrizionisti, psicologi, health trainer, che in diversi casi supervisionano anche il lavoro di massaggiatori, esperti di bellezza e di estetica.
LA FACTORY (DELUXE) DEI CENTENARI. Così, anche nelle beauty & health clinic ha fatto il suo ingresso trionfale la medicina più avanzata, quella della prevenzione, che ci promette un futuro da (quasi) Highlander. E che ha gettato le fondamenta delle moderne Medi-Spa o Doctor Farm,  i nuovi templi deluxe dell’antinvecchiamento, che tra i loro argomenti convincenti vantano anche panorami naturali suggestivi e un ambiente caldo e accogliente (così, pure ad abitarle, seppure temporaneamente, ti senti meglio!).  Quasi delle “fabbriche di centenari”, che sia nelle indagini diagnostiche, sia nei trattamenti beauty e di benessere strizzano l’occhio all’hi-tech della medicina, ma anche alle tecniche e ai metodi della terapie integrative. Quelle stesse medicine che da sempre e per definizione, sono preventive, poichè tutte, indistintamente, (dall’omeopatia all’agopuntura, passando per tutte le altre medicine cosiddette dolci) puntano, sebbene con mezzi diversi (aghi, rimedi diluiti e dinamizzati o altro ancora),  ad un unico obiettivo: cogliere quei segnali di squilibrio energetico che possono annunciare un disturbo prima ancora che questo si manifesti concretamente e fronteggiarlo stimolando le naturali  capacità di “autoriparazione” e autoregolazione dell’organismo. 
Dalla teoria alla pratica: una panoramica di Medi-Spa tra le più rinomate, dove si entra per curare la salute globale dell’organismo e si esce sprizzando, di riflesso, bellezza da tutti i pori.
IN “CLINIQUE” PER MANTENERSI GIOVANI.  La madre di tutte le Medi-Spa? È la Clinique La Prairie, nata agli albori degli anni ’30 dagli studi del dottor Paul Niehans e dalla sua “Celluloterapia”  di cui sembra sia stata una grande fan (e fruitrice) anche Marilyn Monroe  (insieme a Pablo Picasso e altre celebrità).  Concepita come una cura utile contro diversi disturbi (malattie allergiche, endocrine, invecchiamento e altre ancora), la celluloterapia si basava  sull’utilizzo iniezioni di estratti cellulari di feto di pecora (il famoso CLP, oggi validato da test clinici),  ricchi di fattori biologicamente attivi capaci di favorire la riparazione dei tessuti. Per certi aspetti, un’antesignana, dunque, delle moderne  terapie rigenerative con staminali adulte. Oggi, oltre alle tante e variate proposte beautymed (come l’Elettroridopuntura),  questo medical center da sempre avanguardistico offre un’ampia gamma di servizi specialistici (reumatologia, cardiologia, endocrinologia, diabetologia, pneumologia, fino alla chirurgia plastica) e, soprattutto, un nuovo range di terapie rivitalizzanti, studiato per contrastare gli effetti del tempo sull’organismo. www.laprairie.ch, Clarens-Montreux,  Lago di Ginevra, tel. +41(0)21 9893311.
OLISTICAMENTE LONGEVI. La filosofia del benessere e della prevenzione di Henri Chenot, famosissimo guru della salute globale, e dei suoi Espace (le  medi-spa di lusso Palace di Merano e l’Albereta in Franciacorta), hanno una forte caratterizzazione olistica. Il motore di tutto è la biontologia, l’originale disciplina elaborata da Chenot che studia l’evoluzione dell’invecchiamento psico-fisico fondendo principi della medicina cinese con le più moderne acquisizioni scientifiche. Il risultato sono percorsi integrati ritmati da un check-up bioenergetico, dalla celebre dieta ipotossica, da analisi e trattamenti detox, idroterapici, estetici e antiaging, che hanno conquistato vips e celeb di tutto il mondo. www.palace.it, Merano (Bz),  tel. 0473 271000; www.albereta.it, Erbusco (Bs) tel.  030 7760550.
WELL AGING IN PARADISO. Villa Paradiso (solo per soggiorni non inferiori alla settimana) e La Maison du Relax  (per programmi small, anche di soli 3 giorni), è una clinical beauty tra le più prestigiose ed è stata tra le prime ad approntare un percorso prevenitivo avanzato. Il programma Well Aging include un pool di esami scientifici (valutazione dello stress ossidativo, analisi del DNA, diagnosi elettroniche, biochimiche e di performance – forza muscolare -) per definire una terapia personalizzata che comprende, tra l’altro, medicina omeopatica e ortomolecolare (vitamine e integratori) e nutrigenomica, con l’assunzione anche di estratti vegetali in aiuto alla funzione del DNA. www.villaparadiso.com,  Fasano del Garda (Bs),  tel. 0365 294811.
DNA CON GUSTO.
Idea geniale: trovare la dieta a “propria immagine e somiglianza”, che non solo si prenda cura plasticamente della silhouette, lavorando sui rotolini adiposi, ma anche dei nostri geni di “lunga vita”. Fantascienza? No, ormai “realtà a portata di mano”… e addirittura di farmacia. Come nel caso di “Vitalybra”, un servizio che offre  un programma dietetico iper-personalizzato e integrato da un test del DNA, che individua gli alimenti “graditi” ai propri geni. Per eseguire il test bastano pochi minuti, assicurano gli esperti. Il farmacista preleva un campione di saliva con il tamponcino e lo spedisce al laboratorio di analisi. I risultati, insieme a un piano alimentare, verranno poi recapitati da Vitalybra al farmacista e quindi consegnati a chi li ha richiesti (www.vitalybra.com). Dal prêt à porter all’alta moda della genetica applicata alla dieta il passo è un po’ più lungo, ma “produttivo”.  Come nel caso  di “Dietis”, tra la new entry del Centro Nakhlah del Kempinski Giardino di Costanza, ovvero un piano nutrizionale calibrato sul proprio DNA che, sulla base di un test nutri-genomico, visita specialistica predittiva e altri indagini specifiche, imposta un programma di educazione alimentare con suggerimenti e ricette. Dietis che, per inciso, va a completare il già nutrito percorso di medicina preventiva super-avanzato del Centro, ovvero il “Longevity Olis” il quale, sempre sulla base di una serie di sofisticati test  (compresi, oltre al profilo genomico, anche quello chimico-metabolico e della capacità antiossidante), propone all’ospite un programma personalizzato di gestione dei  fattori di rischio che si possono presentare con l’avanzare dell’età (tra l’altro: rischio metabolico, infiammatorio e cardio-circolatorio), basato su protocolli che spaziano da trattamenti antiaging, dermatologici e di medicina estetica, a programmi di attività fitness. www.kempinski-sicily.com, Mazara del Vallo (Tp),  tel. 0923 675000.
CLAUDIA CARDIN